Psicologia: La Dipendenza Affettiva

Accade a tutti e fa parte del modo normale di funzionamento della mente.

Da bambini dipendiamo in modo assoluto dai genitori, e man mano, che cresciamo acquisiamo competenze ed abilità sviluppando autonomia e le capacità di sopperire a molti dei nostri bisogni.

Oggi parliamo dei risvolti affettivi, legati alle emozioni che sgorgano spontaneamente dentro di noi. Il bambino, sintonizzandosi con la madre, inizia a riconoscere le proprie emozioni.

Concentrarti su te stesso e assumersi la responsabilità, significa anche incontrare la solitudine, rompere le dinamiche intrinseche e le relazioni dannose, concentrarsi sulle proprie emozioni e sui pensieri automatici disfunzionali.

Che l’amore può tutto, anche diventare arrogante e aggressivo.

Come in tutte le dipendenze, anche in quella affettiva viene percepito che c’è qualcosa che non va nel rapporto.

L’area di vulnerabilità funge da gancio di traino, più lo aggancio bene più sottometto l’altro, che a sua volta soffre e per paura di sganciarsi si lascia tirare sempre di più, spesse volte fino al punto di ricevere danni fisici. Tutto questo per evitare di affrontare la paura più grande: la rottura della relazione! Non si tratta tuttavia di una protezione serena in quanto esige continue conferme, che costano ansia e un adeguamento totale, poiché la persona che vive un rapporto simbiotico ne teme la fine”.

Si tratta principalmente di coloro che percepiscono le cose con occhiali diversi a seconda delle occasioni, che falsano la realtà al punto da non accorgersi che si è finiti nella tela del ragno.

Ma la verità è che il “ grande romantico” è in realtà un tossicodipendente affettivo , e quando inizia una relazione si crea l’illusione di aver finalmente trovato la persona perfetta.

Anche all’amore, questa esperienza straordinaria che ci fa legare in modo forte, puntellare la nostra esistenza ad un’altra persona. Il percorso sarà strutturato in modo da consentire alla persona dipendente di riappropriarsi della propria vita in funzione non sono dell’altro ma anche e soprattutto in funzione di sé; riacquisire spazi personali; scoprire, affinare, acquisire risorse personali che permettano l’autodeterminazione.

Sono dunque atteggiamenti e comportamenti che si incastrano perfettamente come la chiave alla serratura: ogni vittima esiste perchè esiste un carnefice e viceversa. Cambiare relazione quindi non cambierà molto, ciò che bisogna cambiare sono i pensieri sottostanti e i comportamenti messi in atto.

  1. La tua felicità è subordinata a quella di una sola persona
  2. Cambia argomento con disinvoltura nel corso di una conversazione
  3. Risponde molto spesso in modo vago
  4. Timori eccessivi di essere abbandonati
  5. Hai necessità assoluta di essere accettato dagli altri

psicologia affettiva

L’adulto che interagisce con il bambino gli fornisce un mondo di stimoli altamente ordinato in cui gli eventi stimolo sono rappresentati dai differenti atti umani espressivi e comunicativi. Questi sono i tipi che comunemente cadono nella trappola di questo legame intenso, spesso inscindibile, che condiziona la loro vita.

Eppure, medicina scientifica e alternativa, psicologia e counseling, sembrano concepire la vita di relazione solo se, e nella misura in cui, essa procura disagio, malessere, conflitti o patologie.

In un rapporto di dipendenza, lasciare solo l’altro può farlo sentire in preda all’ angoscia, panico e disperazione. Molto spesso, nonostante c’è piena consapevolezza che l’amore è giunto a termine, non si riesce a distaccarsi dal partner, vivendo in una dipendenza, e in particolare in una dipendenza di tipo affettivo.

La definizione di dipendenza affettiva fu coniata per la prima volta dallo psicoanalista Fenichel nel 1945, il quale definì l’amore-dipendente, come una vera e propria dipendenza, riferendosi a persone che necessitano dell’amore esattamente come dell’alcool o della droga. La dipendenza appartiene ad ogni legame, in parte.

Nelle relazioni tra amici danno eccessiva importanza all’aspetto fisico al di là dei limiti consoni per un amicizia.

La dipendenza affettiva è una forma patologica di amore e si caratterizza per la mancanza costante di scambio relazionale nel rapporto affettivo. A volte la dipendenza affettiva prende la forma di una quasi totale assenza di reciprocità, nella quale uno dei due partner diviene un “donatore di amore a senso unico”.

E riconoscere le persone che meritano il nostro amore è un’altra competenza personale da acquisire.

Autostima – Il nostro ego è potenziato quando qualcuno ci ammira o è attratto da noi. Come una relazione di dipendenza differisce da un sana amicizia? La relazione affettiva risulta assolutamente carente di equilibrio e reciprocità. Le relazioni che instaurano queste persone soddisfano il bisogno di stare a tutti i costi all’interno di una relazione, vissuta come condizione necessaria alla propria esistenza. Altra caratteristica della dipendenza affettiva è l’atteggiamento negativo e svalutante verso sé, come conseguenza del senso di inadeguatezza che contraddistingue le persone inclini a dipendendere dall’altro e l’eccessiva idealizzazione del patner.

Norwood (1985) ha associato la dipendenza affettiva ad alcune particolari strutture familiari e a vissuti relazionali precoci di attaccamenti affettivi disfunzionali (fattori predisponenti). Vuol dire che una donna con dipendenza affettiva potrebbe non riuscire a rendersi conto di quando sta ricevendo già affetto. Nella dipendenza affettiva, quando il rapporto finisce è sempre il dipendente ad essere lasciato, così questo continuerà a cercare relazioni che ripeteranno ancora le stesse dinamiche. Ma chi è il dipendente affettivo? Chi di noi non ha sentito queste frasi almeno un centinaio di volte? Perdono del tutto interesse nelle altre relazioni al di fuori di questa. Come comportarsi nelle relazioni? Gli psicologi hanno spesso individuato nelle vittime di dipendenza affettiva soggetti cresciuti da genitori iperprotettivi, che non hanno mai insegnato ai figli le responsabilità o i rischi del quotidiano. Come affrontare la dipendenza affettiva del proprio partner?

Assenza di sintonizzazione: fortemente patogena, rende possibile l’insorgenza di una psicosi. A quali miei obiettivi ho dovuto rinunciare perché condizionato dal giudizio degli altri?

Dott.ssa Luigina Pugno, psicoterapeuta Torino

Un aiuto alle eccellenze italiane dalla nuova legge finanziaria

La Legge Finanziaria è da oggi norma e alcuni degli aspetti approvati dal governo mostrano un significativo interesse verso le aziende che promuovono in brand italiano al 100%.

I primi provvedimenti già in vigore. La ratio della legge è chiara a tutti: aumentare le entrate statali imponendo una serie di balzelli. Tasse esplicite o mascherate, ecco come Tremonti ha tracciato la strada che dovrebbe portare al pareggio di bilancio nel 2013.

  • Ticket sanitario: si pagherà 10 euro per le prestazioni specialistiche (tranne in Sardegna, Emilia Romagna, Val D’Aosta, Veneto e Toscana, regioni che non applicheranno la misura); nel complesso la norma della Legge Finanziaria appare comprensibile e alla portata anche delle tasche meno abbienti;
  • Ticket sanitario per i codici bianchi in pronto soccorso: 25 euro, da pagare cash e subito sui ricorsi impropri al pronto soccorso, i cosiddetti “codici bianchi”. La norma serve per disincentivare coloro che con troppa facilità vanno al pronto soccorso e magari potrebbero aspettare il lunedì mattina ed essere visitati dal proprio medico curante. 25 euro, però, non sono pochi;
  • Bollo sul deposito titoli: non cambia nulla solo per chi ha un portafoglio titoli inferiore ai 50 mila euro, l’investitore continuerà a pagare 34.20 euro all’anno. Sopra questa soglia, la somma cresce a 70 euro fino a 150.000 euro di titoli, a 240 euro per investimenti fino a 500 mila euro, a 680 euro sopra questo valore; la norma appare ingenerosa specie per una coppia di pensionati che possiede 50.001 di BOT, col pensiero di lasciarli ai figli in eredità. Già il bollo è una tassa poco comprensibile, non configurandosi come imposta sui redditi. Perché non introdurre la tanto sospirata tassa sulle operazioni finanziarie, solo su quelle che producono rendite e solo sopra certe soglie? La Legge Finanziaria si farà ricordare anche per questo provvedimento;
  • Superbollo per le auto di lusso sopra i 225 kw: la norma è ok, chi ha macchine potenti – che inquinano tra l’altro di più – avranno sicuramente qualche euro in più per pagare il bollo supplementare
  • Stretta sulle stock option: nulla da commentare
  • Aumento dell’Irap sulle concessionarie dello Stato: questa è una tassa vera e propria della Legge Finanziaria , giustificabile solo dall’impossibilità di drenare risorse finanziarie da altre fonti. E non è il caso italiano;
  • Pensioni d’oro: dal primo agosto via alle riduzioni; chi percepisce una somma al di sopra dei 90.000 euro l’anno dovrà versare il 5%, mentre a tutti quelli che superano i 150.000 euro annui di guadagno sarà trattenuto il 10%. È stato ribattezzato “contributo di solidarietà”. L’idea non è male, purchè il provvedimento rientri una volta superata l’attuale fase di emergenza.
  • Ritardare la pensione: crescerà l’età pensionabile in quanto la riforma prevede l’aggancio alle aspettative di vita già a partire dal 2013 invece che dal 2014, come inizialmente previsto. Chi ha maturato i 40 anni di contributi andrà in pensione con un mese di ritardo nel 2012 e via via crescendo nel corso degli anni successivi.
  • agevolazioni fiscali e assistenziali: riduzione del 5% prima e del 20% poi, dal 2013 e dal 2014. Il contrario di quello che ci si aspetta da un Governo liberale e che proclama da anni di voler ridurre le tasse per rilanciare i consumi. Il fallimento di un ideologia economica.
  • tagli ai costi della politica, agli stipendi dei parlamentari, ai rimborsi di deputati e senatori: ——- (lo spazio è bianco, chiaro, perché scandalosamente ne Governo ne Parlamento, nemmeno quest’anno introdurranno norme atte, almeno simbolicamente, a richiamare un certo tenore di responsabilità pubblica);
  • Sgravi fiscali per gli investimenti in ricerca e sviluppo: nulla; neanche la Legge Finanziaria è riuscita a trovare i fondi per attuare la misura; la perdita di competitività e innovazione nel nostro Paese, è ormai irreversibile.
  • incentivi alle aziende che assumono nuovi lavoratori: su questo fronte il Governo è completamente sordo. Nonostante siano 8 anni che si parli di riduzione dello “scalone fiscale”.
  • Quoziente famigliare: macchè. Un’altra di quelle misure mancate che avrebbe cambiato il corso della storia per milioni di famiglie;
  • Eliminazione delle province: cos’è uno scherzo? Nessuno è mai stato così ingenuo da credere che questi centri di potere e generatori di poltrone potessero essere cancellati. Male, molto male;

Un interessante ipotesi sulla nuova Legge Finanziaria viene espressa appare su fondazioneliberamente.it dove si esprime di voler intercettare la voglia di rilancio delle imprese italiane e il bisogno delle famiglie a basso reddito di tornare ad una certa serenità domestica, consentendo ai consumi di ripartire. La politica è apparsa una volta di più dedita all’autoconservazione, alla tutela di se stessa e dei suoi privilegi.

Ho un allergia, che faccio?

Nella terminologia corrente per allergia s’intende una reazione del sistema immunitario verso agenti (detti allergèni) ordinariamente innocui per l’organismo ma che, in soggetti geneticamente predisposti, produce una reazione infiammatoria coinvolgente diversi organi e apparati e, dunque, scatenante sintomi diversi (rinite, congiuntivite, asma, orticaria, prurito, edemi, fino allo shock anafilattico).

CAUSE
Nel corso di un processo chiamato sensibilizzazione, il sistema immunitario individua erroneamente una sostanza innocua come un qualcosa di nocivo, ed inizia così a produrre anticorpi che provocano allergie. Ogni volta che si viene a contatto con quella stessa sostanza, per esempio il polline delle graminacee, questi anticorpi la riconoscono e segnalano al sistema immunitario di rilasciare sostanze chimiche come l’istamina nella circolazione sanguigna. Queste sostanze chimiche del sistema immunitario causano una reazione che determina i segni ed i sintomi fastidiosi nel caso specifico della febbre da fieno.

Gli allergeni sono normalmente presenti nell’ambiente in cui viviamo e possono essere introdotti nell’organismo attraverso le vie respiratorie (allergeni inalanti: pollini, acari della polvere, peli e forfore di animali), per ingestione (allergeni alimentari, farmaci), attraverso la cute (allergeni da contatto, come ad esempio il nichel) o per via iniettiva (farmaci, insetti).
Questi possono essere classificati come:
– Perenni tra cui ricordiamo

  • Gli acari
  • Gli allergeni animali
  • Gli scarafaggi
  • Le spore di funghi in ambienti chiusi o all’aperto e le muffa

– Stagionali come ad esempio

  • Polline d’alberi, comune in primavera;
  • Pollini di graminacee, comune nella tarda primavera e in estate;
  • Polline di erba, comune in autunno;
  • Le spore di funghi e muffe, che possono peggiorare durante i mesi caldi;

In Italia, secondo studi statistici sulla popolazione, il numero degli allergici è di oltre 10 milioni.

I pollini costituiscono percentualmente la più cospicua tra le cause di allergie ad inalanti.
In Italia i pollini che rivestono maggiore importanza clinica sono quelli di piante erbacee (Graminacee, Urticacee, Composite) e di alcune piante arboree (Cupressacee, Oleacee, Betulacee).

CURE E RIMEDI
Per evitare reazioni allergiche si possono prevenire i sintomi dell’allergia evitando i fattori scatenanti o procedere ad Immunoterapia o terapia di desensibilizzazione specifica che consiste in trattamenti più o meno prolungati di iniezioni contenenti estratti di allergeni purificati, in modo da desinsibilizzare i soggetti e ridurre i segni, i sintomi e di conseguenza il bisogno di farmaci per la cura della sintomologia, tra cui ricordiamo i Corticosteroidi, Antistaminici, Decongestionanti.
Di seguito troverete i siti specializzati e gli articoli più interessanti che abbiamo reperito in rete inerenti l’argomento.

 

Pollnet :  La rete POLLnet è la rete di monitoraggio aerobiologico istituzionale del Sistema delle Agenzie Ambientali. Per conoscere gli aggiornamenti e le previsioni sulle concentrazioni polliniche nell’aria è possibile consultare i bollettini emessi dalla Rete Italiana di Monitoraggio Aerobiologico. Il rilevamento dei pollini e delle spore aerodiffusi viene effettuato in numerosi centri distribuiti sull’intero territorio nazionale: per ogni regione sono disponibili il bollettino sempre aggiornato e i livelli di concentrazione relativi alla singola stazione di monitoraggio.
Asma e Allergia: Sito italiano che tratta argomenti di allergologia, aerobiologia, pneumologia, asma e asmologia, congressi, foto e disegni di acari, pollini e piante allergizzanti, muffe e miceti, batteri. Ampie sezioni dedicate a farmaci, medicine, terapia, vaccini antiallergici, diagnosi e tecniche diagnostiche. Pagine su argomenti di pediatria, geriatria, orl otorinolaringoiatria, infezioni respiratorie, problemi della donna.

nella vita quotidiana, confermato anche da statistiche nazionali che mettono le allergie al terzo posto tra le patologie croniche più frequenti, con un trend di crescita in continuo aumento.

Nell’allergia il sistema immunitario reagisce in modo “esasperato” di fronte ad un “qualcosa” con il quale si è venuti a contatto (attraverso l’aria che respiriamo, il cibo che mangiamo, le sostanze e gli oggetti con cui la nostra cute viene a contatto….); il fatto sconcertante è che questo “qualcosa”, chiamato allergene, è assolutamente innocuo per i più ma, inspiegabilmente, risulta essere dannoso per l’allergico.

 

Ciò che è importante chiarire è che l’allergia, qualunque sia l’allergene, ovunque sia il suo sito d’ingresso nell’organismo (bocca, naso, cute…) e qualunque sia l’organo o il tessuto sul quale la reazione esasperata si manifesta, non è mai una problematica localizzata ma è sempre una problematica sistemica, coinvolgente perciò l’intero organismo.

 

Diversi studi hanno infatti dimostrato che, sebbene si evidenzi con sintomi localizzati (congiuntivite allergica, dermatite atopica, rinite, asma, ecc.) apparentemente scollegati tra loro, l’allergia ha sempre e comunque un’origine sistemica, che sta alla base di tutte le sue manifestazioni.

 

Questa è la chiave per comprendere il perché, ad esempio, un bambino con dermatite atopica nella primissima infanzia (a comparsa entro il primo anno di vita nel 60-70% dei casi) può in seguito, solitamente intorno ai 4-5 anni, iniziare a manifestare sintomi d’asma, proprio nel momento in cui l’iper-reattività cutanea sembra essere ormai risolta.
Inoltre, comprendere la base sistemica dell’allergia è fondamentale per capire che, come una forma eritematosa cutanea può essere innescata sia dal contatto con un allergene ambientale sia con un alimento, allo stesso modo anche i sintomi dell’asma, della rinite e della congiuntivite possono essere legati non solo alla sensibilizzazione verso allergeni inalanti ma anche verso allergeni che vengono a contatto con l’organismo in sedi che nulla hanno a che fare con la mucosa respiratoria. Questa reattività che potremmo definire “crociata” fonda le sue basi sull’essere l’allergia una problematica sistemica.

 

Alla base di tutto: il disequilibrio della “bilancia” immunitaria.

 

Gli allergeni inducono il sistema immunitario a produrre una particolare classe di anticorpi: le immunoglobuline di tipo E (IgE). L’ipersensibilità IgE-mediata è infatti una caratteristica di tutte le problematiche allergiche.
Alla base di questo comportamento immunitario vi è un disequilibrio nella differenziazione delle cellule che funzionano come i “registri” della risposta difensiva, i linfociti T helper. I T helper (Th) sono suddivisi in due sottogruppi con funzioni specifiche, i Th1 e i Th2, tra loro antagonisti. Il cardine dell’efficienza immunitaria, e quindi della salute, dell’individuo ha le sue basi nell’equilibrio tra Th1 e Th2.

 

Per svariati fattori (mancato o scarso allattamento al seno, vaccinazioni, uso di farmaci, soprattutto antibiotici, alimentazione ricca di zuccheri e proteine animali, ecc.), questo equilibrio può venire a mancare, privilegiando un orientamento immunitario, oppure l’altro. Lo sbilanciamento immunitario verso Th2 è una caratteristica che predispone l’individuo all’allergia. I Th2 sono infatti legati all’attivazione e alla differenziazione dei linfociti B, produttori di IgE, gli anticorpi dell’allergia.

 

La “marcia” dell’allergico

 

I quadri clinici dell’allergia tendono spesso a presentarsi con una progressione cronologica caratteristica. I primi sintomi di allergia sono rappresentati di solito da lesioni cutanee a carattere eritematoso (la classica dermatite atopica), che compaiono nei bambini molto piccoli, spesso sin dai primi mesi di vita.

 

Oltre a queste forme, altre manifestazioni precoci di allergia possono essere alcuni sintomi gastroenterici, come diarrea, vomito e dolori addominali; i sintomi respiratori sono invece solitamente a comparsa più tardiva, anche se la rinite e il “respiro sibilante”, prime evidenze del coinvolgimento della mucosa respiratoria, possono comparire anche nei bambini molto piccoli.

 

La dermatite atopica è comunque solitamente il primo, in ordine cronologico, della sequenza di eventi clinici che possono condurre all’espressione, ad esempio, dell’asma bronchiale; la dermatite atopica sembra quindi costituire il fattore di rischio principale per questo tipo di evoluzione. Infatti, in circa l’80% dei bambini che ne sono affetti si assiste in seguito alla comparsa di manifestazioni allergiche respiratorie, l’asma bronchiale in particolare; inoltre, a conferma di questa predisposizione, livelli elevati di IgE totali nel sangue (PRIST test) e Skin PRICK test positivi per allergeni inalanti (oltre che alimentari) possono essere dimostrati nell’80-90% dei soggetti con dermatite atopica.
Queste ed altre evidenze cliniche portano a ritenere che è come se l’allergia si “muovesse” all’interno dell’organismo, spostando la reattività verso tessuti più profondi, come in una sorta di marcia…

 

Questa progressione, ampiamente dimostrata e riconosciuta, è stata perciò definita “la marcia dell’allergico”. Per “marcia allergica” si intende appunto lo sviluppo in successione, quasi a tappe, di diverse manifestazioni allergiche nei primi anni di vita che vanno di pari passo con la progressiva sensibilizzazione dei diversi organi e tessuti (cute, mucosa intestinale, congiuntiva, mucosa respiratoria e bronchiale).

 

Il trattamento delle allergie con la medicina convenzionale

 

L’incremento della casistica delle allergie è stato accompagnato da un aumento del numero di individui sottoposti a cura farmacologica. Purtroppo, uno dei maggiori “difetti” della medicina moderna è la costante presenza nei farmaci di effetti collaterali secondari, più o meno fastidiosi e, addirittura, più o meno pericolosi per la salute stessa di chi li assume. In particolare, nelle patologie croniche, quali le affezioni allergiche, le conseguenze di un’assunzione continuativa possono essere pesantissime per la salute generale dell’individuo.

 

Inoltre l’approccio ufficiale si occupa di contenere i sintomi senza  trattare invece le cause che hanno portato all’iper-reattività allergica dell’individuo: ciò porta alla non risoluzione della problematica e all’utilizzo di molti farmaci per curare i tanti sintomi che si manifestano…con la conseguenza di molteplici effetti collaterali!

 

Le classi di farmaci maggiormente utilizzate in tal senso sono gli antistaminici, gli stabilizzatori di membrana, i β2 stimolanti/adrenergici, i cortisonici e gli antileucotrienici. Gli antistaminici, sia di prima che di seconda generazione, presentano numerosi effetti collaterali: la sedazione, che limita fortemente la qualità di vita del paziente, è uno di questi, l’effetto “rimbalzo”, all’interruzione del farmaco, è un altro, molto comune.

 

Altri effetti collaterali sono: dolori gastrici, secchezza delle fauci, delle mucose nasali e della gola, vertigini, nervosismo, irrequietezza ed aumento di peso, per non parlare del rischio di una forma di aritmia che può evolvere in quella che viene chiamata “torsione di punta”, un’aritmia potenzialmente letale.

 

Ricchi di effetti collaterali sono anche gli stabilizzatori di membrana: broncospasmo, tosse, affanno, edema laringeo, tumefazione e dolori articolari, angioedema, mal di testa, rushes cutanei, nausea, sapore cattivo in bocca, oltre al fatto che risultano insufficienti per contenere i sintomi se utilizzati da soli e necessitano perciò dell’associazione con i cortisonici e/o gli antistaminici.

 

Gli effetti avversi dei β2 stimolanti/adrenergici sono tali e tanti che si dovrebbe veramente utilizzarli in extremis, solo nei casi di effettivo bisogno del paziente. Tra i maggiori effetti collaterali di tali farmaci ricordiamo: euforia, tachicardia, insonnia, nervosismo, agitazione, ansietà a cui si aggiungono, ben più gravi, nausea, vomito, cefalee, aumento della pressione sanguigna, ictus cerebrale e infarto cardiaco (in particolare, questi farmaci devono essere usati con estrema cautela dai cardiopatici).

 

I cortisonici, purtroppo ampiamente utilizzati per la loro efficacia nel “mascherare” i sintomi, danno, ahimè, ritenzione idrica, gonfiore del viso, aumento della peluria, insonnia, aumento dell’appetito.

 

Il protrarsi della cura può portare ad incremento di peso, riduzione della massa muscolare, iperglicemia, osteoporosi, ulcere gastriche, psicosi, cataratte, glaucoma, ritenzione di sodio  e perdita di potassio, ipertensione arteriosa, micosi ed infezioni. Non meno pericolosi sono anche gli antileucotrienici, di recente immissione in commercio, i quali sembrano essere direttamente collegati a cambiamenti comportamentali quali ansia, depressione e, in ultima analisi, tendenza al suicidio (e sono per tale ragione monitorati, dal marzo 2008, da parte della FDA).

 

Una considerazione a parte va fatta per l’Immunoterapia Allergene Specifica (ITS); il principio è quello di somministrare al soggetto allergico dosi sempre crescenti di allergene con lo scopo di indurre tolleranza o di desensibilizzare verso l’allergene stesso. La somministrazione deve essere effettuata per un periodo di tempo molto lungo, dai 3 ai 5 anni!!! L’ITS non elimina tutti i sintomi dell’allergia e anche dopo il termine della procedura, l’allergico continuerà con la terapia farmacologica “a vita”, anche se con dosaggi minori.

 

Ciò, tra l’altro, darebbe maggior credito a recentissime scoperte in campo immunologico secondo le quali ripetuti sbilanciamenti in un unico senso (in questo caso sempre verso Th2) porterebbero il sistema alla cronicità dell’infiammazione (e questo ne spiegherebbe appunto l’inefficacia in termini di risoluzione definitiva).  Recentemente è stata messa a punto un’immunoterapia velocizzata, chiamata RUSH ITS, che richiede solo 15 giorni di somministrazione ma quantitativi di allergene decisamente superiori e perciò più pericolosi (con rischio di shock anafilattico!).

 

La somministrazione in contemporanea dell’omalizumab, farmaco antagonista delle IgE, non si è rivelata sicura come si ipotizzava, anzi aumenta la possibilità di reazioni allergiche; per tale ragione  l’FDA, all’inizio del 2007, ha diramato un warning relativo proprio a questo rischio, più frequente nel primo mese di trattamento, ma possibile anche dopo parecchi mesi di terapia.

 

Con questi presupposti, assume importanza vitale un eventuale approccio alternativo costituito da rimedi naturali e stile di vita, con lo scopo, da una parte di diminuire la reattività dell’organismo e lo stato infiammatorio sistemico cronico (legato allo squilibrio verso Th2), dall’altra, un’azione diretta locale volta ad evitare i fastidi del processo infiammatorio (innescato dal contatto con l’antigene); tutto ciò, senza controindicazioni ed effetti collaterali.

 

La natura ti aiuta in caso di allergia.
L’approccio naturale ed efficace

 

Dato il forte disequilibrio della bilancia immunitaria, caratteristico dei soggetti allergici, unitamente allo stato infiammatorio generale, la strada percorribile, con un valido approccio naturale, punterà prima di tutto sul riequilibrio del sistema immunitario con un’azione immunomodulante, unitamente al mettere in atto una generalizzata attività antinfiammatoria e un’azione naturale diretta nei confronti dell’eccessiva produzione di istamina, con l’obiettivo di diminuire così la reattività dell’organismo alle sollecitazioni date dal contatto con gli allergeni.

 

Quest’approccio, che possiamo definire “di base”, idoneo in qualsiasi caso di manifestazione allergica, da utilizzare sia in prevenzione, sia in presenza di sintomatologia, sarà poi coadiuvato da funzionali specifici ad uso locale, volti alla remissione dei sintomi, nel caso si presentino i sintomi o avvisaglie degli stessi.

 

La natura può aiutarti con:

 

Biosterine®: con le sue potenti proprietà salutistiche in qualità di immunomodulante, antinfiammatorio, antiallergico rappresenta il punto di partenza dell’approccio.
Per via sistemica, Biosterine® è in grado di guidare l’organismo verso il riequilibrio del sistema immunitario e di esercitare una marcata azione antinfiammatoria; inoltre, abbassa notevolmente la reattività allergica dell’individuo e riduce la flogosi dei tessuti colpiti dalle allergie.
L’associazione di Biosterine® con altri specifici principi naturali consente di raggiungere risultati ancora più significativi e di aiutare l’organismo a ridurre sensibilmente l’iper-reattività nei confronti di allergeni di varia natura.

 

 

 

Quercitina: rimedio di grandissima utilità nelle problematiche allergiche di varia natura. Si può definirla prima di tutto un antistaminico naturale, con in più una spiccata azione antinfiammatoria ed antiossidante. La Quercitina compie sia un’azione immediata (utilissima per alleviare i sintomi allergici acuti innescati dall’intenso effetto irritante provocato dall’istamina), sia a lungo termine,  ostacolando infatti la cronicizzazione dell’allergia. Da sottolineare che l’azione antistaminica della Quercitina non interferisce in alcun modo con i sistemi recettoriali fisiologici per l’istamina (ove invece si legano i farmaci antistaminici di sintesi) ed è perciò priva di effetti collaterali.

 

Rutina: glucoside della Quercitina, rappresenta anch’essa uno straordinario aiuto di fondo per abbassare la reattività dell’organismo nei confronti degli allergeni. Numerosi studi ne hanno evidenziato l’attività sia nella risposta allergica immediata, sia in quella ritardata. La Rutina coadiuva il compito della Quercitina, integrandola e rafforzandone l’efficacia.

 

Ribes nero: l’elevato contenuto in acidi grassi polinsaturi, alfa-linolenico (omega-3) e gamma-linolenico (omega-6), è ritenuto essere tra i principali fattori responsabili della sua azione antinfiammatoria. Gli estratti di Ribes nero sono anche ricchi di antociani e di polifenoli (rutina e isoquercitina), con un ruolo fondamentale nell’inibire la risposta allergica infiammatoria, e di principi attivi di natura steroidea, ritenuti possedere un effetto cortisone-simile, con una conseguente azione antinfiammatoria fisiologica, priva di effetti collaterali.

 

Piantaggine: viene principalmente usata, per via interna, per allergie ed infiammazioni, risultando utile nel trattamento dei processi flogistici in particolare a carico dell’apparato broncorespiratorio. Le sue proprietà antiallergiche sono dovute principalmente alla presenza di un glucoside iridoide, l’aucubina. Il meccanismo con il quale questo principio attivo esplica azione antiallergica sembra essere di tipo antistaminico, come per la Quercitina.
Tali funzionali sono facilmente veicolabili in compresse deglutibili per gli adulti, in formulazione bevibile per i bambini.

 

In entrambi i casi sono utili:
– nelle fasi asintomatiche, per abbassare la reattività allergica dell’individuo, per periodi di 2-3 mesi, ripetendo il ciclo di assunzione più volte all’anno.
– sin dalle prime avvisaglie di sintomi, per evitare l’evoluzione alla forma acuta o ridurne gli effetti. In tal caso è necessaria l’associazione concomitante dei rimedi sintomatici specifici (a seconda che si tratti di rinite, congiuntivite o asma) sino alla remissione dei sintomi.
2. Dare sollievo ai sintomi locali (di asma, rinite o congiuntivite allergica), nel caso in cui questi si manifestino, evitandone il peggioramento.

 

In caso di sintomi d’asma:
– Favorire per via sistemica la fisiologica contrattilità della muscolatura bronchiale: granulato solubile in bustine monodose a base di Magnesio citrato e Coleus forskohlii.
– Favorire per via locale diretta un’azione antinfiammatoria e broncorilassante: soluzione nebulizzabile in fiale pronte all’uso a base di Biosterine®, Coleus forskohlii, Adhatoda vasica e Drosera rotundifolia.
In caso di sintomi di congiuntivite allergica:
– Contrastare i sintomi tipici della congiuntivite allergica: soluzione oculare isotonica sterile a base di Biosterine®, Sodio jaluronato, Capparis spinosa, Nymphaea odorata, Glycyrrhiza glabra (Liquirizia) e Aspalathus linearis (Rooibos).

La cosmesi naturale esite davvero?

Anzitutto è bene specificare che la nostra pelle è un vero e proprio organismo costituito da 3 strati (Ectoderma, Mesoderma ed Endoderma) che assolve a numerose funzioni quali la regolazione del sudore, la protezione da agenti chimici o infettivi, la produzione di vitamina D a seguito dell’esposizione ai raggi ultravioletti, l’essere una barriera che impedisce la dispersione di fluidi, sali e vitamine; oltre che essere un organo di senso (il tatto).

La pelle può definirsi un vero e proprio organo spia, in quanto porta all’evidenza esterna attraverso manifestazioni cutanee di varia natura un disordine o una patologia che si annida all’interno dell’organismo.

Per questo motivo è bene avere cura della propria pelle non solo a fini meramente estetici ma con l’obiettivo di mantenere sano e vigoroso il nostro organismo nel suo complesso.

Intanto possiamo definire un cosmetico, una sostanza o una preparazione destinata ad essere applicata sulla superficie esterna del corpo umano con lo scopo esclusivo o preponderante di pulirlo, profumarlo, modificarne l’aspetto, correggere l’odore corporeo o proteggerlo e mantenerlo in buono stato.

Un cosmetico è composto da molte sostanze, tanto che si può considerare che nella detersione quotidiana per l’uso di bagnoschiuma, shampoo, balsamo, saponi, dentifrici, creme viso o corpo entriamo a contatto mediamente con circa 500 sostanze diverse.

Ne deriva quindi che un primo punto molto importante è imparare a conoscere l’elenco degli ingredienti di un cosmetico, l’INCI (International Nomenclature of Cosmetics).

Ai primi posti dell’elenco si trovano sempre gli ingredienti contenuti in percentuale più alta e via via fino a quelli con le percentuali più basse.

Ciò che è bene non trovare nel nostro cosmetico perchè nocivo per la pelle sono:

– i petrolati;
– la paraffina liquida;
– i siliconi (quasi tutti i componenti che terminano con -one, -thicone, -xane, -siloxane o quelli formati o che contengono 3 o 4 lettere in maiuscolo);
– PEG, PPG, DEA, MEA, TEA, MIPA, EDTA seguite da un numero;
– alcuni antimicrobici, antiossidanti e conservanti come bht, bha, triclosan;
– Coloranti chimici indicati con CI più un numero;
– Chlorexidine ad alte percentuali;
– Formulazioni in nanoparticelle per le quali non vi è ancora chiarezza in merito alla loro sicurezza.

Alla luce di queste indicazioni, restando in ambito scientifico, una definizione di cosmetica naturale è eccessivamente generale e fuorviante (anche il petrolio e il mercurio sono prodotti della natura).

Possiamo accettare la definizione di cosmetica naturale solo se intesa a indicare tutti i cosmetici che contengono prodotti della natura che non siano nocivi per il nostro organismo pelle.

Più esattamente possiamo definire cosmetico eco-biologico il cosmetico nel quale gli ingredienti vegetali che lo compongono provengono da coltivazione biologica.

Definiamo poi cosmetico eco-dermo-compatibile, il cosmetico che sia il più ecologico possibile ma anche ipoallergenico e dermatologicamente testato.

Infine possiamo avere un cosmetico eco-bio-dermo-compatibile quando si hanno tutte le proprietà del cosmetico eco-dermo-compatibile e in più le componenti botaniche del cosmetico provengono da coltivazione biologica.

Quando si è alla ricerca di un cosmetico per esaltare l’aspetto esteriore del proprio corpo è bene quindi affidarsi sempre a professionisti che oltre alla performance, garantiscano anche la conoscenza dell’universo cosmetico e delle migliori soluzioni da proporre al cliente per il proprio specifico e unico caso.

Come ottenre un prestito senza busta paga

Il prestito concesso anche in assenza di busta paga, prevede delle cambiali come forma di restituzione del pagamento erogato; questi titoli hanno valore esecutivo e in caso di insolvenza permettono alla banca di pignorare i beni del debitore.

Quali sono i vantaggi dei prestiti cambializzati e quando è conveniente richiederli?

Pagare le rate mensili con delle cambiali

Questa tipologia di finanziamento si distingue dalle altre modalità di prestito bancario, poiché in restituzione dell’importo erogato dà la possibilità di pagare le rate mensili con delle cambiali, consentendo anche a chi non ha una busta paga di richiedere e ottenere un prestito. Al contempo, questi titoli con valore esecutivo, offrono una maggiore garanzia all’istituto bancario, che in caso d’insolvenza del debito, può recuperare il dovuto, richiedendo e ottenendo il pignoramento dei beni di proprietà del debitore.

La richiesta di prestito senza busta paga,

è accettata o rifiutata dall’istituto di credito in tempi brevi (si può ottenere l’intera somma in 24 ore). La persona beneficiaria del finanziamento, apponendo la sua firma sulle cambiali, si impegna a restituire l’importo entro i tempi stabiliti.

La cambiale: un utile mezzo per chi non ha una busta paga

La cambiale è quindi una risorsa molto utile per chi ha bisogno in tempi brevi di un prestito, ma non ha un’assunzione e una busta paga da poter esibire alla banca come mezzo di restituzione a lungo termine della somma richiesta. La cambiale, con regolare imposta di bollo e la firma del beneficiario del prestito ha valore immeditato, ed essendo una garanzia di pagamento e un titolo esecutivo, impegna il contraente a risarcire il finanziamento e consente alla banca di avviare la procedura di pignoramento dei beni se quest’ultimo è insolvente.

Prestiti senza busta paga: ulteriori garanzie e requisiti

La banca, oltre alla firma sulla cambiale, chiede delle ulteriori garanzie sulla restituzione del capitale erogato:

  • possibilità di pignoramento di un immobile in caso di insolvenza

  • un garante con contratto a tempo determinato, senza altri finanziamenti in corso e che non sia inserito nella categoria dei protestati e dei cattivi pagatori.

Salva

Ristrutturare casa ecologicamente

Esistono davvero tanti interventi che si possono mettere in pratica per ristrutturare al meglio la propria casa.

Se il vostro obiettivo, però, non è solo migliorare la vostra abitazione, ma anche la vostra vita, il tetto ventilato dovrebbe rientrare nei vostri piani.

Sicuramente investire del denaro per opere molto grandi come quelle relative alla copertura di un immobile non è cosa da poco, soprattutto in tempi come questo. Ma alcune soluzioni, come quella della ventilazione, consentono di coniugare quelli che sono aspetti differenti e tutti ugualmente importanti.

Infatti, il tetto ventilato, quale opera che si può realizzare sia per una nuova casa sia allo scopo di rinnovare un immobile già presente, dà al padrone di casa l’opportunità per pensare sia alla materialità e a ciò che costituisce un grande investimento, sia alla propria famiglia.

In primo luogo, a livello strettamente pratico, questo tetto consente di aumentare notevolmente il valore della propria casa. Si stima, infatti, una differenza di ben 450 euro al metro quadro tra una casa di classe energetica E ed una appartenente alla classe A. Inoltre, riuscendo a preservare quella che è la solidità strutturale del proprio immobile sarà possibile, un giorno, rivalutarlo ed anche rivenderlo ad un prezzo superiore rispetto a quello iniziale di acquisto o di costruzione.

Ma non ci si ferma qui nel momento in cui si vadano ad analizzare i vantaggi pratici ed economici del Tetto Ventilato. Infatti, esso, consentendo di mantenere costante la temperatura all’interno dell’ambiente domestico, sia d’estate sia durante la stagione invernale, darà alla famiglia la possibilità di ridurre notevolmente, fino a 3.000 euro l’anno per ogni nucleo, il costo delle bollette per l’energia elettrica e il riscaldamento.

Il tutto con enormi vantaggi anche da un punto di vista ambientale, poiché si limiteranno le emissioni dannose.

Tenendo molto alla propria famiglia sarà possibile tutelarla grazie a questo manufatto. Si ridurranno, infatti, i rischi comportati dalla proliferazione delle muffe, pericolose e silenziose nemiche della salute, in grado di attaccare il corpo in modo insospettabile. Meno umidità, infatti, significherà anche meno muffe ed anche meno pericoli per la diffusione di batteri e parassiti.

E se il costo può essere sicuramente un grosso ostacolo, è da mettere in conto la necessità di investire circa 10 mila euro per la realizzazione totale del tetto, materiali compresi. Sarà possibile risparmiare rivolgendosi a fornitori in grado di concordare sconti e promozioni nella consegna dei diversi materiali e, magari, facendo una parte del lavoro in autonomia, lasciando all’impresa solo la parte strettamente tecnica.

Combattere l’afa e le torride temperature estive

Per combattere l’afa e le torride temperature estive si può ricorrere all’aiuto di un condizionatore.

Il mercato del settore offre modelli sempre più sofisticati ed efficienti, ma per fare la scelta giusta ed evitare di ritrovarsi con bollette fin troppo salate, è importante indirizzarsi sul prodotto più consono alle proprie esigenze.

La qualità è molto importante e la tecnologia inverter può dare una marcia in più, quest’ultima tuttavia, è la soluzione ideale solo nei casi in cui si fa un uso assiduo del condizionatore.

Differenza tra condizionatore on/of e condizionatore inverter.
La prima soluzione è la più semplice ed economica, prevede la tradizionale tecnologia di spegnimento e riaccensione automatica tramite un compressore, fa andare il raffreddamento dell’aria alla massima potenza fino al raggiungimento della temperatura impostata, per poi spegnere completamente il sistema e farlo ripartire ciclicamente appena i gradi nell’ambiente cominciano a risalire.

La tecnologia Inverter

Un condizionatore con tecnologia inverter ha un funzionamento più sofisticato, grazie a un dispositivo elettronico è in grado di modulare e mantenere la temperatura desiderata senza bisogno di dispendiosi spegnimenti e riaccensioni. In pratica, il condizionatore inverter va a pieno regime subito dopo l’accensione, tanto da raggiungere in tempi rapidi la temperatura impostata, dopodiché la mantiene costante rimanendo sempre acceso a una potenza minima.

Il tutto si traduce in un confort ottimale, non ci sono pericolosi sbalzi termici e la rumorosità è notevolmente ridotta.
Sul fronte del risparmio siamo su buoni livelli, è possibile avere una riduzione dei consumi intorno al 40%, ma ciò è possibile solo nel lungo periodo. In poche parole, la tecnologia inverter è conveniente solo per chi ha il condizionatore acceso per almeno 8 ore consecutive al giorno. Negli altri casi è opportuno prediligere il classico funzionamento on/off.

Altre caratteristiche ottimali
Nella scelta di un buon condizionatore inverter è saggio indirizzarsi su una classe energetica A o superiore.
Per ottimizzare ulteriormente i consumi è utile il sistema 12000 Btu (o superiore), poiché consente un discreto risparmio energetico e un raffreddamento rapido.

Cosa da non sottovalutare, tale sistema è anche rispettoso dell’ambiente, grazie all’uso di uno specifico gas refrigerante ecologico.
Una buona capacità di deumidificazione e il trattamento anticorrosione assicurano rispettivamente confort ambientale e lunga durata nel tempo.

Per respirare aria pulita e il più possibile priva d’impurità, polvere, muffe e batteri nocivi, è indispensabile scegliere un condizionatore con un filtro anti-batteri ad alta densità.
Condizionatore inverter solo freddo o a pompa di calore?
Si può scegliere un condizionatore ad inverter solo freddo o un condizionatore inverter a pompa di calore.
Il primo si usa esclusivamente per raffreddare l’aria degli ambienti nel periodo estivo, la seconda tipologia permette un uso più flessibile, d’inverno può anche riscaldare semplicemente invertendo il ciclo di funzionamento.

Il prezzo d’acquisto di un condizionatore a pompa di calore è più alto, in aggiunta, i consumi durante il periodo invernale possono essere parecchio elevati, specie per chi abita in zone a clima molto rigido.

Vendita gioielli online: come risparmiare

gioielli online

Vendita gioielli online: risparmia acquistando gioielli certificati e garantiti a vita

Dal 2006 la vendita dei gioielli online ha rivoluzionato la nostra azienda: oggi i nostri clienti possono acquistare online scegliendo tra più di 28mila gioielli di esclusiva qualità orafa italiana. Chi si rivolge a Pasinigioielli per l’acquisto di gioielli online cerca qualcosa in più ed è per questo che ogni gioiello viene realizzato a mano nei migliori laboratori orafi ed è garantito a vita.

Acquista online i tuoi gioielli per ogni ricorrenza importante.

Nella nostra vendita di gioielli online si posso acquistare tutti i gioielli realizzati in oro e argento come: anelli di fidanzamento, anelli con diamanti, gioielli uomo, orecchini, fedine, diamanti certificati, fedi nuziali, fedine di fidanzamento, anelli solitari, bracciali tennis, collane, anelli con smeraldi, gioielli con diamanti neri, trilogy, verette, ciondoli, pendenti , gioielli in pietre dure e molto altro ancora.

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) n zircone da 2,50 mm. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo del metallo e marchio del produttore. I gioielli Lady Love…

80,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTE DA 0.06 CT. Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON…

Anello Solitario  in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.06 CARATI TOTALI. Diamante TAGLIO BRILLANTE COLORE G PUREZZA VS. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo…

160,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ARGENTO 925 Più info
ANELLO SOLITARIO IN ARGENTO 925

Anello Solitario in Argento ( 925/000 ) rodiato con zircone. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

32,00 €
Anteprima

ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI

Anello Trilogy in Oro 18 carati (750‰) rodiato con zirconi da 3,00 mm. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

220,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTE Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON…

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.06 CARATI TOTALI. Diamante TAGLIO BRILLANTE COLORE G PUREZZA VS. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo…

175,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ARGENTO 925 Più info
ANELLO SOLITARIO IN ARGENTO 925

Anello Solitario in Argento ( 925/000 ) rodiato con zircone. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

32,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTE Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON…

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.09 carati totali. Diamante taglio BRILLANTE colore G purezza SI1. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo…

250,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI

Anello Solitario in Oro 18 carati ( 750‰ ) rodiato con zircone da 2,60 mm. (0.07 ct). Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

207,00 €
Anteprima

ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTI Più info
ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTI

Anello Trilogy in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.18 CARATI TOTALI. Diamante TAGLIO BRILLANTE COLORE G PUREZZA SI. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo…

415,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTE Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON…

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.10 carati totali. Diamante taglio BRILLANTE colore G purezza SI1. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo…

270,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) rodiato con zircone da 4,50 mm. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

165,00 €
Anteprima

ANELLO ANCORA IN ARGENTO 925 Più info
ANELLO ANCORA IN ARGENTO 925

Anello “Ancora” in Argento ( 925/000 ).  Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

28,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTE DA 0.03 CT. Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON…

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.03 carati totali. Diamante taglio BRILLANTE colore G purezza SI1. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo…

140,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI

Anello Solitario in Oro 18 carati ( 750‰) rodiato con zircone da 2,70 mm.  Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

100,00 €
Anteprima

ANELLO CUORE IN ARGENTO 925 Più info
ANELLO CUORE IN ARGENTO 925

Anello “Cuore” in Argento ( 925/000 ). Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

25,00 €
Anteprima

ANELLO CON RUBINO E DIAMANTI IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO CON RUBINO E DIAMANTI IN ORO 18 CARATI

Anello in Oro 18 carati (750‰) con diamanti da 0.16 carati totali. Diamante taglio BRILLANTE colore F purezza SI. Rubino da 0.83 carati totali. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente…

555,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTE DA 0.06 CT. Offerta Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON…

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.06 CARATI TOTALI. Diamante TAGLIO BRILLANTE COLORE G PUREZZA VS. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo…

210,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰ ) rodiato con zircone da 2,00 mm. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

95,00 €
Anteprima

ANELLO CON SMERALDO E DIAMANTI IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO CON SMERALDO E DIAMANTI IN ORO 18…

Anello in Oro 18 carati (750‰) con diamanti da 0.12 carati totali. Diamante taglio BRILLANTE colore F purezza SI. Smeraldo da 0.21 carati totali. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente…

347,00 €
Anteprima

ANELLO TRILOGY IN ARGENTO 925 Più info
ANELLO TRILOGY IN ARGENTO 925

Anello Trilogy in Argento ( 925‰ ) con zirconi. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

32,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON ZIRCONI

Anello Solitario in Oro 18 carati ( 750‰ ) con zirconi di cui centrale da 5,50 mm. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

165,00 €
Anteprima

ANELLO CON SMERALDO E DIAMANTI IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO CON SMERALDO E DIAMANTI IN ORO 18…

Anello in Oro 18 carati (750‰) con diamanti da 0.16 carati totali. Diamante taglio BRILLANTE colore F purezza SI. Smeraldo da 0.82 carati totali. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente…

886,00 €
Anteprima

COPPIA DI FEDI IN ARGENTO 925 Più info
COPPIA DI FEDI IN ARGENTO 925

Fedine in Argento massiccio 925‰ , spessore di 3 mm. e peso di 2,50 gr. circa a fede. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

29,00 €
Anteprima

ANELLO FANTASIA IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO FANTASIA IN ORO 18 CARATI

Anello Fantasia in Oro 18 carati (750‰) con zirconi. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

145,00 €
Anteprima

ANELLO IN ORO 18 KT CON ZAFFIRO E DIAMANTI Più info
ANELLO IN ORO 18 CARATI CON ZAFFIRO E…

Anello in Oro 18 carati (750‰) con diamante da 0.14 carati totali. Diamante taglio BRILLANTE colore F purezza SI. Zaffiro da 1.14 carati totali. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente…

902,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON DIAMANTE DA 0.26 CT. Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI CON…

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰ ) con diamante da 0.26 ct (4,00 mm). Diamante taglio BRILLANTE con colore F e purezza SI. Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

720,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) con zirconi di cui centrale da 4,70 mm. (0.39 ct). Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

175,00 €
Anteprima

ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO SOLITARIO IN ORO 18 CARATI

Anello Solitario in Oro 18 carati (750‰) rodiato con zirconi di cui centrale da 5,20 mm. (0.56 ct). Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

170,00 €
Anteprima

ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI

Anello Trilogy in Oro 18 carati (750‰) rodiato con zirconi da 2,30 mm. (0.05 ct). Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati.

115,00 €
Anteprima

ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI Più info
ANELLO TRILOGY IN ORO 18 CARATI

Anello Trilogy in Oro 18 carati (750‰) rodiato con zirconi da 1,90 mm o diamanti da 3 punti ( colore G / purezza SI ) Il gioiello è accompagnato da confezione regalo con shopper e certificato di garanzia che ne attesta la qualità dei materiali utilizzati. Regolarmente marchiato con titolo del…

175,00 €
Anteprima

Vedi come

Ordina

Prezzo: dal più basso
Prezzo: dal più caro
Nome del prodotto: dalla A alla Z
Nome del prodotto: dalla Z alla A
In magazzino
Riferimento: dal più basso
Riferimento: dal più alto

Visualizza tutto

Pagine:

  • Precedente
  • 1
  • 2
  • 3
  • 10
  • Successivo
Mostrando 1 – 30 di 295 articoli

Leggi tutto “Vendita gioielli online: come risparmiare”

Scarpe P448 questione di stile

Lo stile nelle calzature

Siamo ciò che indossiamo… e il marchio P448 questo lo sa bene: dalla nascita ha dovuto il suo successo oltre che alla qualità dei prodotti, anche al fatto di aver lanciato un vero e proprio stile di vita, quasi a inventare una nuova categoria sociale che ha assunto il tono di un’aristocrazia moderna. La filosofia del brand riflette infatti da sempre i valori della classe, del lusso, dell’eleganza, che ritroviamo nel design minimal ma sempre raffinato, protagonista dei suoi articoli.

Le calzature P448 calzano il nostro piede a seconda di chi siamo, o perché no, di chi scegliamo di essere. Su trendfashion ne troviamo un vasto assortimento. Partiamo dal modello Interactive: una scarpa semplice, elegante ma non troppo, da abbianare a seconda dell’occasione; la linea Sneaker ha un tono casual e raffinato allo stesso tempo; la Stringata ci regala un tocco di eleganza e di classe per cerimonie galanti.

Le calzature P448 sono in tutte le sue varianti sempre uniche, con un’impronta chic.

Le scarpe P448 donna sono realizzate sempre coerentemente ai valori del brand. Per chi si rivede in uno stile piuttosto classico troviamo anche nella versione femminile le linee Interactive, Sneaker e Stringate: ne proponiamo in vari modelli, a seconda delle esigenze.
Per serate più eleganti sono invece indicate le scarpe da donna P448 in versione décolleté, che donano uno stile impeccabile, perfetto per le occasioni più importanti.

Che si tratti di uomo o donna l’impulso maggiore nella scelta arriva dall’istinto: tendiamo perciò a prediligere un abbigliamento coerente con la nostra personalità. Il marchio P448 non ha affatto tralasciato questo aspetto: la vasta gamma di articoli che propone contiene linee versatili, ispirate a diversi stili. C’è spazio dunque anche per i ribelli!
La vera rivoluzione apportata da P448 è avvenuta con il lancio di una linea del tutto contrapposta al concetto di stile classico, ma che resta comunque fedele al carattere casual luxury dell’azienda. Le scarpe P448 uomo e donna sono state protagoniste di una vera innovazione. L’equilibrio delle linee classiche è stato reso precario dal lancio della un vero passo in avanti soprattutto per chi non aderisce ai dogmi dello stile tradizionale che da sempre contraddistingue il brand.
La linea rebel è presente sia per le calzature P448 uomo che per quelle da donna. È una collezione pensata per gli spiriti liberi, quelli indomabili.
Si sposa bene infatti con lo street style, in quanto sportiva e giovane: l’equilibrio perfetto tra dinamicità e raffinatezza.

Fidati del tuo istinto e scegli di seguirlo nel blog di trendfashion. Scarpe P448 da uomo e da donna esclusive, sempre in linea con il tuo stile.

Leggi tutto “Scarpe P448 questione di stile”